© 2017-19 BassaFinanza - info@bassafinanza.com  | Privacy and Policy

MOMENTS

6.8.2019

 

 

 

Per correre non basta essere agili, né basta per combattere essere valorosi, né essere saggi per avere del pane, né essere intelligenti per avere delle ricchezze…
Poiché tutti dipendono dal tempo e dalle circostanze
.

 

Ecclesiaste 9, 11

 

 
 
 
 
 
 
 

Fra poco mi fermerò. Non perché siamo in agosto e le saracinesche scendono giù. No, mi devo fermare per rallentare il tempo e prendere le distanze; allontanarmi e consentire a me di osservare la mia vita che scorre.

Se uno rallenta tutto e non fa niente, ottiene sufficiente silenzio per poter ascoltare i messaggi importanti. Per concentrarsi senza dover fare lo sforzo di concentrarsi.

 

Ma in genere non si ascolta, non ci si ascolta più. Si ha paura del vuoto. Dev’essere per questo che è tutto un riempire ogni spazio possibile. Parole, immagini, chiacchiere, eventi… Flash ovunque, come quelle luci da discoteca che ti rintontiscono. Io passo. Vorrei andare al rallentatore. Che magari uno riesce anche a vedere cosa lo circonda, invece di guardare la vita come dal finestrino di un treno che sfreccia. Magari riesci anche a capire quando arrivano il tempo giusto e le circostanze adatte. Perché c’è un tempo per tutte le cose.

Per cogliere i momenti.

 

 

 

E ora che si fa?

Dipende.

 

La Bella Figheira festeggia. La consulente Private Banker Senior (nel senso di ‘anta) e tacco 12, ha realizzato il budget semestrale. Le è bastato chiamare Padre Graziano, che amministra gli ingenti lasciti delle vecchine per l’Opera Pia Immacolata Incoronata, e convincerlo a “ristrutturare” il portafoglio, inserendo tutti i nuovi prodotti della banca: i fondi di fondi di fondi Top Ricc, con quadruplo strato di commissioni implicite. Lei si beccherà un super bonus (e il viaggio premio). Così, ora che ha staccato per ricaricarsi, è lì con le labbra tubolari col rossetto tatuato tipo Jessica Rabbit che si fa gli apericena da dieci e poi giù in fila a ballare con Gué Pequeno ed Elettra Lamborghini.   

 

Anche la signora Pina festeggia. Le hanno ristrutturato il portafoglio, promettendo che il rendimento supererà il livello minimo sindacale da lei richiesto del “3% senza rischi”. Ha sottoscritto i nuovi fondi Alta Cedolona, che hanno dentro solo bond subordinati “perpetual” di banche greche, obbligazioni corporate del Kazakistan e titoli di stato del Katanga.

Tanto sale tutto, no?

 

Bottavio invece è nel panico: non riesce più ad accedere al suo conto. Da quando l’hanno convocato in filiale per attivare la nuova modalità di accesso con la “sicurezza rafforzata” è entrato in un tunnel. Ha dovuto scaricare una app sul telefono (che però gli è arrivata insieme a due virus porno e tre hacker), creare 2 nuove password, ognuna composta da 7 caratteri di cui tre alfanumerici due maiuscoli, uno in cirillico e l’ultimo in sanscrito. Poi, rassicurato, è partito per le vacanze.

Ma quando prova ad accedere al conto gli arriva un sms sul telefono della moglie con un codice criptato tipo rebus della Settimana Enigmistica, da risolvere entro 15 secondi. Una volta decifrato deve digitare la soluzione sul tablet di suo nipote, che però si rifiuta di interrompere il torneo di Fifa 2019.

Allora prova con la app del suo telefono hackerato, che però gli apre solo un sito porno sadomaso a tutto volume… Da due settimane non sa più quanti soldi ha. E con il numero verde assistenza clienti non riesce a parlare, che per identificarlo gli chiedono la sequenza del suo dna a memoria.

 

E ora che si fa?

 

I F.lli Boscoli, gli infallibili guru dei mercati, hanno inviato un aggiornamento prima di staccare anche loro, per ricaricarsi. Ecco uno stralcio:

 

“Ricordiamo l’importanza della prudenza in questo periodo dell’anno. Comprare solo quando si vede che sale.

I rapporti di cambio euro/dollaro saranno variabili e oscilleranno fra una fascia alta e una bassa della banda di oscillazione media.no

Il trend rialzista delle Borse è destinato a proseguire almeno fino ad esaurimento.

Sfruttiamo a nostro favore i momenti di volatilità entrando al momento giusto ed evitando di uscire in quello sbagliato. Evitare quindi di operare quando i mercati sono chiusi, in assenza di volatilità.

Ricordate: quando sale si vede, ma quando scende va più veloce di quando sale.”

 

Specialmente se Trump e Xi Jinping si rimettono a battibeccare, aggiungo.

 

Sulla base di queste importanti indicazioni, ben più concrete e accurate di tutti i report forniti in genere da banche, società di gestione e servizi Top Private, abbiamo un’idea chiara di cosa fare: il meno possibile.

I Portafogli Colorati sono stati aggiornati assieme agli stop loss e alle Posizioni Chiuse.

 

Anche Dolores ha bisogno di staccare: è andata in un posto da dieci a ricaricarsi. Per l’occorrenza ha fatto la scorta di jeans e magliettine Levi’s. Dice che le ricordano i tempi di Happy Days, con Fonzie eccetera, e la sua hit preferita: “ Ti ricordi montagne verdi” di Marcella Bella.

In effetti la Levi’s si è quotata in Borsa di recente (dopo essere uscita dalla Borsa nel 1985). Al di là delle tematiche di fashion, trovo interessante l’impegno dell’azienda sul fronte ambientale. Pare siano molto attivi nel ridurre l’uso delle sostanze chimiche inquinanti che servono a dare ai jeans l’aspetto che ci piace tanto. Alla Levi’s ora usano il laser. Inoltre stanno riducendo drasticamente il consumo di acqua per la produzione dei jeans con uno speciale processo (waterless jeans). E sperimentano anche nuove tecniche produttive, ad esempio utilizzando un mix di canapa e cotone, dove la canapa, per crescere, necessita del 30% di acqua in meno rispetto al cotone. Se si pensa che per produrre un paio di jeans ci vogliono quasi 2.000 litri d’acqua, la faccenda non è da poco.

Insomma, potrebbe essere un tema adatto al Portafoglio Verdolino. Anche perché, se è vero che le tematiche ambientaliste in genere sono in ascesa, non mi pare che nel campo abbigliamento ci sia tutta questa sensibilizzazione.

 

Visti i tempi e vista la recente crescita dell’oro, potrebbe essere l’ora di prendere un po’ d’argento, che è rimasto parecchio indietro. Nel senso che il rapporto (ratio) fra il prezzo dei due metalli, storicamente sta fra 50 e 60. Cioè, in media ci vogliono circa 60 once d’argento per comprarne una di oro. Ma oggi il prezzo dell’oro è salito, mentre l’argento non si è mosso granché. Il che ha portato il rapporto intorno a 90, un livello piuttosto tirato. In pratica, o l’oro torna giù oppure l’argento guadagna il terreno perso.

Allora ho pensato a un’azienda mineraria particolare, con un modello di business simile alla Royal Gold presente nel Portafoglio Fucsia. La Wheaton Precious Metal non scava cunicoli, ma finanzia chi vuole scavare miniere (e per un 50% si parla di estrazione d’argento). In cambio ottiene il diritto a comprare oro e argento a un prezzo prestabilito (e ovviamente assai vantaggioso per lei). E’ una cosiddetta “streaming company” che si fa pagare con le royalties sull’estrazione.

Come si vede anche dall’andamento della Royal Gold, quando il prezzo del metallo sale, queste aziende tendono a decollare… Allora provo una speculazione sul prezzo dell’argento.

 

Riepilogando:

 

- Per il Portafoglio Verdolino compro: Levi’s Strauss & Co., Nyse, cod. isin: US52736R1023

 

- Per il Portafoglio Rosso Big Babol, compro Wheaton Precious Metal, Nyse, cod. isin: CA9628791027

 

 

 

Per il resto, pronti a qualche scossone: bisogna ricordare che da inizio anno tutti i mercati praticamente salgono e basta. Il che potrebbe dare assuefazione…

 

Allora a presto.

 

 

 

Giuseppe Cloza

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

© 2010-2019 Bassa Finanza Le informazioni pubblicate non devono essere considerate una “sollecitazione al pubblico risparmio” né una promozione di alcuna forma di investimento ne' “raccomandazioni personalizzate” ai sensi del Testo Unico della Finanza, trattandosi unicamente di informazioni standardizzate rivolte ad un pubblico indistinto (cfr. art 69, comma 1, punto c, Regolamento Emittenti Consob e Considerando n.79 della direttiva Mifid 2006/73/CE) al fine di offrire un mero supporto informativo e decisionale agli utenti mediante l'elaborazione di un flusso informativo di dati, notizie, ricerche e analisi. Proprio perché le raccomandazioni fornite non possono intendersi personalizzate rispetto alle caratteristiche del singolo utente, potrebbero non essere adeguate rispetto alle conoscenze ed esperienze, alla situazione finanziaria e agli obiettivi di investimento del singolo utente, che infatti non sono stati presi in considerazione e valutati.

 
 
 
Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post recenti

October 4, 2019

August 6, 2019

July 1, 2019

April 8, 2019

February 4, 2019

November 2, 2018

September 26, 2018

Please reload

Archivio
Please reload

Cerca per tag

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square